“Se della morte è l’ora…”

Il momento tanto atteso era giunto.  Il momento sognato nelle lunghe e tristi notti dell’orfanotrofio, nei risvegli senza carezze, nelle ore sempre uguali scandite dall’implacabile campana del refettorio. Memorino pensò ad Alì, a Lucifero, li immaginò lontani e felici. Era rimasto solo lui. Ma aveva trovato nuovi amici. […] Si voltò indietro e vide Celeste, che nella lunga canottiera bianca sembrava un angelo accattone. I capelli biondi ondeggiavano nell’aria. Ma non c’era vento. La bambina guardava in alto, e sembrava in attesa di qualcosa.
Mentre dava il calcio d’inizio, Memorino capì.
“Saluta la Signora!” gridò, e al suo urlo di guerra i Celestini si lanciarono all’attacco.
Ps: In loving memory of RICHARD WRIGHT

 

Annunci

Una Risposta to ““Se della morte è l’ora…””

  1. questo è il tanto bramato libro che hai letto [per l\’ennesima volta] durante il tuo viaggio per bari, giusto? 🙂
     
    ..Il momento tanto atteso è giunto..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: